Benvenuti nel sito del Policlinico di Roma Umberto I
Vai direttamente al contenuto
Umberto I - Policlinico di Roma - Accesso Area Intranet

Abolizione del ticket regionale

Giornata europea del Numero Unico dell'Emergenza 112

Salvabebè

Numero verde Salvabebè 800.28.31.10

Un aiuto per le donne e i neonati!

Chiamando il numero verde Salvabebè 800.28.31.10 - non rintracciabile in alcun modo - è possibile sia avere informazioni su come partorire in anonimato e, soprattutto, una volta partorito da sola,chiedere aiuto, segnalando il luogo del parto o dell'abbandonoper il recupero del neonato che avverrà in modo tempestivo, con ambulanza dedicata, dotata di culla termica e personale specializzato che parte appunto dal Policlinico Umberto I di Roma.

Il numero Verde Salvabebè è operativo presso il Reparto di Terapia Intensiva Neonatale della Clinica Ostetrica del Policlinico Umberto I di Roma, dove operatori sanitari risponderanno24h/24 per offrire il diritto alla vita dei neonati e un aiuto a tutte le donne.

Referente aziendale per il numero Verde Salvabebè è ilDott. Maurizio Gente, Responsabile del Servizio di Trasporto di Emergenza Neonatale (STEN) del Policlinico, per informazioni contattabile all'indirizzo m.gente@policlinicoumberto1.it.

Dal 2002, presso il Policlinico Umberto I, il Numero Verde Salvabebè 800.28.31.10 (solo con il cellulare per chi chiama da fuori Roma) è attivo per andare incontro alle donne in difficoltà che sono costrette, loro malgrado, a non poter tenere con se il bambino che portano in grembo e, spesso sole e disperate, non si recano in ospedale o in clinica per partorire ma, partoriscono da sole e in luoghi igienicamente non idonei.

Nessuno ha il diritto di dare giudizi morali, ma ha invece il dovere di correre in aiuto a tutte le donne sole e disperate, residenti e non, italiane e immigrate, per permettere loro di partorire in anonimato e lasciare il bambino in Ospedale.

Partorire in anonimato è previsto dalla legge italiana, la donna non rischia nessuna denuncia, è un suo diritto!

E' invece un grave rischio per la salute della mamma e del bambino, se il parto avviene in luoghi privi di sicurezza igienica e senza assistenza o l'aiuto di qualcuno!

Il bambino partorito e abbandonato fuori dell'ambiente ospedaliero, come previsto dalle legge, dopo le cure del caso, sarà preso in carico dal Servizio Sociale dell'Ospedale per le pratiche dell'adozione.

La donna anonima ha comunque 10 giorni di tempo, dal parto, per poter riconoscere il bambino e può, per un periodo massimo di 60 giorni, chiedere al Tribunale dei Minori di sospendere lo stato di adottabilità.

Il numero verde Salvabebè, si inserisce all'interno di un Progetto più ampio, Salvamamme/Salvabebè che su iniziativa dell'Associazione "I Diritti Civili del 2000" ha tra gli obiettivi la prevenzione dell'abbandono dei neonati e l'infanticidio.

www.salvamamme.it

 

 


Torna indietro


Articolo creato il: 12/11/2014 10:58:29
Ultima modifica: 12/11/2014 11:00:52
Autore: Site Admin